UFFICIO GEOPOLITICO U.S.N.

Clicca qui per iscriverti a questo sito e potrai ricevere le notifiche di nuovi articoli comodamente via mail.

UNIONE PER IL SOCIALISMO NAZIONALE

IUS MIGRANTES ? NO ALLO IUS SOLI.

E’ innegabile che ogni movimento migratorio crei squilibri di ordine demografico, biologico, culturale, economico, politico-sociale. Queste situazioni, se non opportunamente e tempestivamente gestite, finiscono per provocare conflitti sociali. Il territorio italiano è fortemente antropizzato e sarebbe stato necessario regolare i flussi, tenendo conto delle qualiflche professionali e delle esigenze produttive. Viceversa, l’Italia, è stata invasa […]

NE’ REDUCISMO NE’ LEONCAVALLISMO

Anni di militanza in quella che oggi definiamo con una punta di disprezzo “Area” mi hanno portato ad incontrare una vastissima tipologia di persone, tutte più o meno legate da un filo conduttore comune, ovvero la fede (sincera per lo più ma a volte anche strumentale) ad una Idea del mondo e dell’organizzazione politica, sociale […]

SOVRANITA’, PATRIA, INDIPENDENZA. IL PUNTO DI VISTA SOCIALISTA NAZIONALE

Non so quanti di voi si saranno chiesti cosa c’entra e se c’entra il contenuto del filmato che abbiamo appena visto con l’argomento che siamo chiamati ad approfondire in questa giornata. Probabilmente, almeno un briciolo di perplessità vi sarà sorta; perplessità che legittimamente vi concedo, ma che credo di poter fugare abbastanza rapidamente. Sono fermamente […]

23 MARZO.

23 marzo 1919: il dado fu tratto ! Fu un atto di AUDACIA compiuto da un gruppo di UOMINI di altra tempra e con altro corredo biologico, guidati da un Capo che aveva in testa un progetto politico-statuale per la Nazione Italia. Per noi Socialisti Nazionali basta così: PER NON DIMENTICARE. Chi non sa, se […]

I PIU’ VISTI

L’INTERVENTO RUSSO IN SIRIA: IPOTESI SU FUTURI SCENARI

 

Nelle ultime ore ci troviamo davanti ad uno degli eventi geopolitici più importanti degli ultimi anni: l’intervento Russo in Siria, richiesto formalmente dal governo siriano legittimamente in carica. Com’era prevedebile immaginare dagli schieramenti politici contrapposti, ossia Russia e Nato, si levano cori di accusa più o meno sinceri e più o meno supportati da dati certi, mentre i media occidentali stanno cominciando la loro opera di marketing disinformativo che almeno in una discreta parte dell’opinione pubblica ormai non fa più breccia. Cerchiamo, con le fonti a nostra disposizione ed un pò di buon senso, di elaborare un probabile scenario futuro per la Siria di Assad.

(altro…)

ISIS E IMMIGRAZIONE. I GOLEM DELL’INSTABILITA’ GEOPOLITICA

accoglienza-rifugiatiLo Stato Islamico è, in questo periodo, in una situazione quantomai fuori controllo. Analizziamo i vari teatri di guerra che riguardano Nordafrica e Medio Oriente. In Siria, l’avanzata dell’Isis resta stabile, nonostante le vittorie locali dell’Esercito Arabo Siriano, molte zone interne sono ancora sotto il controllo dei terroristi e Palmira è sotto distruzione. La Russia ha ribadito il suo sostegno, con piena fiducia, a Bashar Al-Assad, ed è stata avvistata il 20 agosto una nave da sbarco della Marina Russa, diretta verso la base di Lattakia in Siria, trasportante un carico di autocarri Kamaz e Gas66, carri che sono stati poi fotografati, per la prima volta in azione, durante l’offensiva dell’Esercito Siriano appunto nella provincia di Lattakia, iniziata il 23 agosto. (altro…)

COSSIGA, OBAMA, PUTIN E ISRAELE IN UN INTERVISTA DEL 2009

russiausaisraeliranRileggendo le recentissime dichiarazioni di Netanyahu (fonte) contro l’accordo di Vienna sul nucleare iraniano. “Dicono che esso ha sventato una guerra. Non è vero: esso avvicina la guerra. E molti concordano con Israele nel vederne i pericoli. Fintanto che le sanzioni approvate dal Congresso Usa restano valide – ha aggiunto – l’Iran sarà costretto a fare concessioni a sua volta, e non potrà solo riceverne“, oltre che ad evidenziare le difficoltà di politica interna che il premier israeliano deve affrontare (la Knesset oggi discute una mozione di sfiducia al governo presentata da Campo Sionista (l’opposizione di centrosinistra) in protesta per la politica di Netanyahu sull’Iran), ci ha riportato con la mente ad un’intervista fatta a Francesco Cossiga in merito a Barack Obama, rilasciata al Giornale il 22 gennaio 2009 (fonte). All’interno dell’intervista ci hanno colpito particolarmente alcuni passaggi che oggi sono di estrema attualità. Ne riportiamo i passaggi più importanti.  (altro…)

TRAGEDIA GRECA ULTIMO ATTO: IL BIVIO DI TSIPRAS

russgreeceIl popolo greco ha deciso. Con la schiacciante vittoria del NO (OXI al 61%) composta soprattutto da giovani, è chiaro che gli usurai di Bruxelles abbiano ricevuto un primo schiaffo in faccia e in particolare da parte di quelle nuove generazioni, che intendevano veicolare con la loro propaganda mediatica a disposizione verso un più consono e affaristico SÌ. Si apre così per il premier Tsipras un bivio sul filo del rasoio, e spetta solo a lui decidere se prendere in considerazione la volontà popolare, dimostrandosi coerente con sè stesso e con la decisione dla sua gente, oppure cedere al teatrino eurocrate, rinnegando così i suoi cittadini per finire relegato nell’oblio della Storia. (altro…)