UFFICIO GEOPOLITICO U.S.N.

Home » EURASIA

Category Archives: EURASIA

INDIA E RUSSIA: UN’AMICIZIA ALL’OMBRA DEL DRAGONE

Russia's President Putin shakes hands with India's Prime Minister Singh after a press statement following signing ceremony in New DelhiL’asse Delhi-Mosca, in questi ultimi mesi, si sta rivelando quello più fecondo, oltre che più stabile. La politica energetica è già un buon incentivo attraverso il quale dialogare attivamente. Le parole del numero uno di Rosatom, Kiriyenko, e quelle contestuali di Putin, rivelano che Mosca pensa a Delhi come un altro mercato buono per smerciare il commercio di energia, amputato dalla suicida politica euro-americana. La situazione indiana è strettamente legata al potenziamento delle infrastrutture nucleari e al rinvigorimento dell’estrazione di gas naturale, con cui però Nuova Delhi riesce a coprire una quota minima del proprio fabbisogno. Attualmente l’India importa il 75% dei propri fabbisogni dal Qatar, percepito però come un cliente instabile. La collaborazione russa, non solo in termini di vendita di gas, ma anche di costruzione delle infrastrutture, può rivelarsi al contrario solida, importante e redditizia. Già con la visita sopracitata di Putin, Rosneft ed Essar, omologa indiana, hanno firmato un patto di fornitura all’india di 10 milioni di tonnellate di gas in 10 anni. (altro…)

IL GRANDE PERICOLO DELLA “COESISTENZA PACIFICA EURASIATICA”

Current_Major_Military_AlliancesIl nuovo sintomo della decadenza americana, l’accordo APEC, ha chiarito che si sta avvicinando il momento in cui i blocchi in costruzione nell’area eurasiatica dovranno radicalizzare o denaturare la spinta disgregatrice dell’ordine mondiale insita nel campismo russo-cinese. Tale momento si avvicina nella misura in cui la possibilità economiche e militari degli Stati Uniti si palesano inferiori e incapaci a sostenere lo scontro uniltaerale contro Cina e Russia, e rispettivi satelliti. Ancorchè divisi su molte questioni e certamente non includibili facilmente in unico blocco, Russia e Cina si trovano decisamente dala stessa parte nella barricata anti-americana, almeno a breve termine. Gli Stati Uniti reagiscono quindi perseguendo la doppia via del logoramento ritardante (esacerbando i focolai di destabilizzazione nell’arco mediorientale e ex-sovietico) e tentando di disinnescare, ove possibile, la carica rivoluzionaria del blocco eurasiatico. (altro…)